I pericoli del latte di soia durante l'infanzia

 

Dopo lo svezzamento, i bambini iniziano il loro percorso verso il consumo di altri alimenti e bevande. È comune che i bambini inizino a bere il latte di mucca. Tuttavia, alcuni bambini sono intolleranti al lattosio e come alternativa alcuni genitori optano per il latte di soia per i suoi innumerevoli benefici.

 

banner stimolazionenew .fw


Anche se la soia si coltiva da più di 4.000 anni in molti paesi ed è un alimento importante nella dieta vegetariana, essendo riconosciuta per i suoi multipli benefici negli adulti (es. regolazione dei livelli di  colesterolo, prevenzione di malattie cardiache) per i bambini è sconsigliata secondo ricerche recenti.

Secondo la Weston A. Price Foundation, gli estrogeni presenti nel latte di soia possono inibire la forza di ormoni tiroidei, causando ipotiroidismo. I sintomi nei bambini possono essere disagio psichiatrico, come ad esempio problemi di memoria, paranoia, confusione.

Inoltre ci può essere un mancato assorbimento di calcio, zinco, ferro, rame e magnesio nell'intestino causato dall’ acido fitico. Quest’ acido  è la principale forma di deposito di fosforo in molti tessuti vegetali, specialmente nella crusca e nei semi. L'acido fitico e i fitati non sono digeribili dagli esseri umani e ancor meno dai bambini. Ma non solo, la soia con i suoi zuccheri semplici e il rame che contiene può influenzare l'umore e l'iperattività nei bambini, secondo la  Acu-Cell.com. Anche se il latte di soia non provoca l'ADHD nei bambini, può esacerbarne i sintomi in chi ne è già affetto.

Anche se questo tipo di  latte può andare bene per gli adulti, non va bene nel periodo infantile e per le donne in gravidanza. Una alternativa valida può essere il latte di riso o capra.

 

Bibliografia

The Weston A. Price Foundation: Soy: The Dark Side of America's Favorite "Health" Food

Mercola: Newest Research on Why You Should Avoid Soy

Mayo Clinic: Soy Allergy

Acu-Cell: ADD/ADHD and Behavioral Problems: Nutritional Causes, Prevention and Therapies


Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo 

cliccando qui