Il latte artificiale idrolizzato non previene le allergie,

secondo le ultime ricerche

Non tutti i tipi di latte in formula sono uguali. Le proprietà nutritive di ciascun prodotto possono essere le stesse, ma esse potrebbero avere fonti diverse. La differenza tra i diversi tipi di latte artificiale sta nell'origine delle proteine e dei carboidrati utilizzati. Ci possono anche essere delle differenze per quanto riguarda l'origine delle componenti principali.

banner stimolazionenew .fw


Nel latte di formula idrolizzato, le proteine del latte vaccino di partenza vengono estesamente idrolizzate (frammentate) per ridurre la possibilità di causare allergie o malattie autoimmuni. 

Ci sono prove che il consumo di proteine del latte vaccino sotto forma di latte artificiale nei primi anni di vita possa aumentare il rischio di queste malattie. Le malattie allergiche e autoimmuni sono le cause principali di malattia cronica tra i giovani, e la loro prevalenza è in aumento.

Per ridurre il rischio, le attuali linee guida sull’alimentazione infantile in Nord America, Australia ed Europa sono di dare ai neonati latte idrolizzato in formula anziché latte artificiale standard. Tuttavia, recenti ricerche dimostrano che contrariamente a raccomandazioni formulate nelle attuali linee guida internazionali, le formule in parte o in larga misura idrolizzate non offrono alcuna protezione aggiuntiva contro le malattie allergiche o autoimmuni, secondo i risultati pubblicati nel BMJ, rispetto ad altre opzioni.

Bibliografia

Hydrolyzed formula and risk of allergic or autoimmune disease: systematic review and meta-analysis, Robert J. Boyle et al., The BMJ, doi/10.1136/bmj.i974, published 8 March 2016. 

Do hydrolyzed infant formulas reduce the risk of allergic disease?, Caroline Lodge et al., The BMJ, doi/10.1136/bmj.i1143, published 8 March 2016.

The BMJ news release, accessed 7 March 2016.

  

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo  

cliccando qui