L’assunzione di vitamina D in gravidanza potrebbe prevenire l’autismo
e nei bambini potrebbe migliorare i sintomi di questo disturbo, secondo nuove ricerche

 

L'autismo è una disabilità “invisibile” e una delle più difficile da capire. La parola autismo derivata dal greco autòs, che significa sè stesso. I Disturbi dello Spettro Autistico sono caratterizzati da una compromissione grave e generalizzata in due aree dello sviluppo: la comunicazione e le emozioni.

banner stimolazionenew .fw


I segnali d’allarme sono: la difficoltà a relazionarsi con gli altri, l’assenza di sguardo verso la persona che sta parlando, il far roteare in continuazione gli oggetti ma anche la ripetizione ossessiva di parole, spesso sostituite da gesti, e la tendenza a ridere o sorridere senza motivo.

Molte sono le cause attribuite a questo disturbo. Il fattore preponderante è quello genetico, tuttavia ci sono fattori scatenanti come la contaminazione ambientale, metalli pesanti come il mercurio, vaccini ecc. Si parla anche di fattori alimentari come il cattivo assorbimento di minerali e vitamine dal periodo prenatale e durante l’infanzia ecc. E sembra che in questo caso la vitamina D insieme a diversi ormoni giochi un ruolo fondamentale.

I ricercatori Rhonda Patrick, PhD e Bruce Ames, PhD del Children Hospital Oakland Research Institute (CHORI) hanno dimostrato che la serotonina, ossitocina e vasopressina, tre ormoni cerebrali che influenzano il comportamento sociale legati all'autismo, sono tutti attivati dalla vitamina D. La assunzione di vitamina D e triptofano sarebbe una soluzione pratica e conveniente per aiutare a prevenire l'autismo e possibilmente migliorare alcuni sintomi di questo disturbo.

Questo meccanismo spiega molti fatti noti sull'autismo, tra cui: 1) i bassi livelli di serotonina nel cervello e alti livelli nel sangue di bambini autistici; 2) la preponderanza di pazienti autistici di sesso maschile, mentre gli estrogeni, un ormone steroide simile, può anche aumentare i livelli cerebrali di serotonina nelle femmine.

La vitamina D viene sintetizzata dall'esposizione alle radiazioni UVB; tuttavia, soprattutto durante l’estate, l’uso delle creme solari inibisce quest’ azione. Questa è una causa importante della ben nota e diffusa carenza di vitamina D soprattutto tra le persone che vivono in clima troppo caldo ma anche in quelle che hanno poca esposizione alla luce solare. Secondo indagini condotte negli Stati Uniti, il 70% della popolazione non soddisfa tale requisito e che il calo precipitoso dei livelli di vitamina D è avvenuto in concomitanza con l'aumento dei tassi di autismo.

Lo studio suggerisce un intervento dietetico basato su 3 acidi grassi, vitamina D, triptofano e omega che aumenta la concentrazione di serotonina nel cervello e aiuta a prevenire e possibilmente migliorare alcuni dei sintomi associati con l'ASD senza effetti collaterali.

Bigliografia

Children's Hospital & Research Center Oakland. (2014, February 26). Causal link found between vitamin D, serotonin synthesis and autism in new study. ScienceDaily. Retrieved June 26, 2014.

 

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo 

cliccando qui