L'uso di integratori in gravidanza potrebbe

proteggere i bambini dall'autismo?

Il rischio di autismo può essere ridotto nei bambini le cui madri assumono integratori alimentari durante la gravidanza. Questa è la scoperta di una nuova ricerca pubblicata sulla rivista The BMJ.


banner stimolazionenew .fw

 

L'autismo - noto anche come disturbo dello spettro autistico (ASD) - si riferisce a una serie di condizioni che interessano lo sviluppo, causando problemi con le abilità sociali, la comunicazione e il comportamento. Gli individui con autismo possono anche soffrire di disabilità intellettuale e problemi di apprendimento.

Alcuni studi suggeriscono che la dieta di una madre durante la gravidanza può prevenire o aumentare il rischio di autismo nel bambino.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che i bambini nati da madri che hanno usato multivitaminici durante la gravidanza - con o senza ferro aggiuntivo o acido folico - avevano meno probabilità di soffrire di autismo o altre disabilità intellettive rispetto alle madri che non usavano questi supplementi.

Questo non vuol dice che l’acido folico non sia importante. Al contrario! I ricercatori della UC Davis e altre istituzioni hanno dimostrato che le madri che assumono quantità consigliate di acido folico prima della concezione potrebbero ridurre il rischio di autismo nel bambino associato ai pesticidi. Non bisogna dimenticare che gli integratori devono essere assunti il più presto possibile. Iniziare ad assumerli dopo il primo trimestre non diminuisce il rischio di soffrire di autismo nel bambino.