Giochi per imparare: pratica la “lettura dialogica” con tuo figlio!


Gli studi scientifici attuali sull’apprendimento infantile (Snow e Tabors, 1993) affermano che quest’ultimo non inizia a scuola, ma fin dalla nascita (per non dire già nel periodo pre-natale). L'apprendimento avviene quindi anzitutto in casa, attraverso le varie relazioni che il bimbo instaura con genitori, parenti o chi se ne prende cura. Il tipo di apprendimento dipende in larga parte dalla quantità e qualità degli stimoli che riceve il bimbo.


banner stimolazionenew .fw

Il linguaggio, in particolare, è di vitale importanza nella vita del bimbo. Fin dalla nascita il bimbo comunica attraverso il pianto e i gesti. Man mano che cresce il suo linguaggio si perfeziona fino a sviluppare un vocabolario di più di 900 parole all’età di 3 anni.

Uno dei modi più efficaci di insegnare il vocabolario ad un bambino è la lettura, soprattutto di libri con illustrazioni.

Tuttavia, non limitarti a leggere semplicemente delle storie illustrate: pratica invece la lettura dialogica.

Ma cos’è la “lettura dialogica”? E soprattutto: come praticarla?

La lettura dialogica è “il processo inter-soggettivo di leggere e comprendere un testo sul quale [genitore e figlio] condividono le proprie interpretazioni, riflettono criticamente, interagendo tra di loro [in un dialogo] (Rosa Valls, Marta Soler, Ramòn Flecha, 2008)

Alcune idee pratiche su quando leggi la storia a tuo figlio:

 

    • Chiedigli in che modo potrebbe finire la storia
    • Stimolalo ad immaginare un finale distinto da quello che gli hai raccontato
    • Adatta la lettura alle sue specifiche esperienze di vita
    • Aiutalo in vario modo a sviluppare la sua immaginazione


 

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo 

cliccando qui.

 Bibliografia

 

Snow, Catherine y Ninio, Anat (1996): Pragmatic Development (Essays in Developmental Science). Boulder, co: Westview Press.

Valls Rosa, Soler Marta, Flecha Ramón (2008) Lectura dialógica: interaccion es que mejoran y  aceleran la lectura OEI - Revista Iberoamericana de Educación - Número 46