I bimbi prematuri emettono più suoni

se i genitori gli sono vicini

 

I bimbi prematuri che sono nelle unità intensive neo-natali hanno ben poco contatto con i propri genitori, così come con medici ed infermiere. Il gruppo di ricerca del dr. Caskey negli USA ha rilevato come nell’unità intensiva dell’ospedale in cui hanno svolto i loro studi era molto limitata l’esposizione dei prematuri al linguaggio umano; prevalevanoi suoni dei monitor, il rumore generale ed il silenzio.

banner stimolazionenew .fw 

Tuttavia, i prematuri in ospedale emettono tanti suoni quanto i bimbi normali se i loro genitori gli sono vicini parlandogli con frequenza

I risultati, pubblicati sulla rivista Pediatrics, derivano da 36 bimbi molto prematuri (nati alla 27esima settimana di gestazione, invece che alla 40esima come in genere accade). Gli autori hanno osservato che i bimbi potevano emettere vocalizzi già alla 32esima settimana ed erano più propensi a farlo quando i loro genitori gli facevano visita: in questi momenti, infatti, i suoni aumentavano del 129%.

Da qui l’importanza della stimolazione infantile non solo da parte delle famiglie ed educatori, ma anche del personale ospedaliero.

FONTE: Pediatrics, 17/10/2011

 

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo 

cliccando qui