Suggerimenti per una disciplina efficace - Parte 1.

1. I capricci nei bimbi sono un modo per esprimere le proprie esigenze insoddisfatte a genitori o altre persone con le quali hanno un legame significativo. Non essendo ascolati, cercano qualunque modo di richiamare l’attenzione per ottenere ciò che desiderano o di cui hanno bisogno, ricorrendo in particolare al pianto. E’ proprio infatti attraverso il pianto che un bimbo ottiene tutto ciò che necessita anche per la sua sopravvivenza fisica fin dai primi giorni di vita. L’importante, però, è che il bambino, man mano che cresce e padroneggia sempre più il linguaggio, usi questo e non il pianto per comunicare bisogni e richieste ai propri genitori.

banner stimolazionenew .fw

2. La disciplina non è la stessa cosa del castigo. La disciplina aiuta i bimbi ad apprendere a comportarsi in maniera adeguata per la loro età e livello di sviluppo. L’obiettivo della disciplina è quello di stabilire e far rispettare ai bambini determinate regole relative a specifici comportamenti in modo coerente e con fermezza.

3. Le conseguenze che seguono determinati comportamenti indesiderati devono essere strettamente collegate a questi ultimi, in modo tale che il bimbo possa cominciare a darsi le sue proprie regole.

4. La disciplina richiede un lavoro costante: è necessario insistere sull’applicazione delle regole ogni giorno ed in modo sistematico.

5. Le regole stabilite devono accordarsi alla specifica età del bimbo e bisogna inoltre attribuire loro delle priorità (ordinarle in base alla loro importanza).

6. No si deve trattare di regole applicate in modo “serioso”: si può ricorrere perfino a dei giochi, l’importante è che si raggiungano gli obiettivi comportamentali prefissati.

7. Si deve inoltre trattare di regole “realistiche” (cioè che il bimbo le possa mettere in pratica).

8. Le norme devono essere ragionevoli, nel senso di disporre di risorse e tempo sufficienti per applicarle.

9. E’ fondamentale stabilire esattamente se la regola è stata rispettata o no.

10. E’ essenzialie un’attitudine di accettazione, affetto e rispetto verso il bimbo. Senza tutto ciò, la disciplina non darà i risultati sperati

11. E’ inoltre indispensabile descrivere con estrema chiarezza e precisione al bimbo le varie norme (assicurandosi che le abbia davvero comprese).

12. Nel correggere, è bene non colpire il bimbo, indipendentemente dalla sua età. Inoltre, i bimbi molto piccoli non riescono a stabilire un’associazione tra colpi e infrazione di una regola: l’unica cosa che sentiranno sarà il dolore dei colpi.

Il compito di esercitare la disciplina con i bambini è arduo. Non esiste un manuale che ci suggerisca cosa fare esattamente per ogni specifica situazione che si viene a presentare nella vita quotidiana. Ed il rischio che si corre, nonn sapendo cosa fare, è quello (purtroppo) di ricorrere al malatrattamento fisico.

 

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo 

 

cliccando qui