A che età è necessario porre regole ad un figlio?

 

Comportamenti inadeguati del bimbo cominciano in genere a manifestarsi verso il primo anno di età ed in seguito si intensificano quando riconosce la differenza tra “sì” e “no” (Pearce, 1995). Tuttavia, se il bimbo di 1 anno non si comporta secondo le aspettative dei suoi genitori, non possiamo dire che è disobbediente poichè a quell’età non ha ancora sviluppato senso di colpa per il fatto di compiere un’azione scorretta.


banner stimolazionenew .fw

Non si tratta solo di correggere il bimbo quando non si comporta secondo le aspettative dei suoi genitori, ma anche di far sì che il bimbo sappia distinguere, esprimere e controllare le sue emozioni a seconda del contesto e soprattutto che sia motivato a farlo: a questo si da il nome di auto-disciplina.

Una condizione importante per promuovere l’auto-disciplina in un bimbo è il fatto di crescere in un ambiente che soddisfi al meglio le sue necessità di sviluppo, poichè questo ingenera in lui un forte senso di fiducia ed autonomia (Haiman, 1989). Fin da quando sono piccoli, i bimbi necessitano di costruire relazioni con i propri genitori basate sulla fiducia. Quando si prendono spesso inbraccio i neonati, si gioca con loro, li si accarezza e non li si lascia senza cure per quello che a lui pare un lungo lasso di tempo (da 60 a 90 secondi), sapranno che possono contare sui propri genitori, che questi sono a loro disposizione per aiutarli  e non si sentono quindi abbandonati. 

Questi bimbi, rispetto a quelli che i genitori hanno lasciato piangere per molto tempo, e le cui necessità non sono state curate, in futuro avranno personalità più stabili, avranno più fiducia in se stessi e negli altri, così come nella loro capacità di ottenere l’attenzione di cui hanno bisogno. 

Lo sviluppo della fiducia dipende da un ambiente “prevedibile” (Haiman, 1989). Le routine nella vita di un bimbo e le relazioni stabili e durature nella famiglia e nella vita quotidiana fanno sì che un bimbo si orienti meglio nel suo mondo e soffra meno di ansia. Al contrario, un bimbo che non ha orari regolari per mangiare, dormire o giocare può sviluppare insicurezza, poichè ogni giorno è un’esperienza completamente imprevedibile in

cui non sa cosa aspettarsi. Aver fiducia in se stessi, negli altri e nell’ambiente circostante ingenera nel bimbo la curisosità, condizione indispensabile per sviluppare la motivazione che gli permetterà in futuro di raggiungere i propri obiettivi.


Bibliografia

Pearce, J. Berrinches, enfados y pataletas: soluciones comprobadas para ayudar a tu hijo a enfrentarse a emociones fuertes. Editorial Paídos

Haiman, E.  Los niños y la autodisciplina. Revista Mothering magazine.

 

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo  

cliccando qui