Genitori ad alto contatto

 

Essere un genitore ad alto contatto vuol dire implementare un stile educativo basato su forti e sani legami affettivi con i propri bambini attraverso pratiche concrete. Questo stile educativo - che inizia già dalla gravidanza - si basa sulla teoria psicologia del bonding di John Bowlby e sull’ attachment parenting del pediatra William Sears.

banner stimolazionenew .fw

Per praticare la genitorialità ad alto contatto, bisogna essere disposti a sviluppare una grande sensibilità verso il bimbo e lavorare su alcune credenze culturali o miti, ad esempio che esprimere troppo affetto attraverso il contatto fisico potrebbe viziare un bambino. Niente di più falso, in quanto prima dell’ anno un bimbo non può essere viziato. A partire da un anno, i genitori iniziano a dare al bimbo le prime regole o limiti. Inoltre affetto e disciplina non sono in contrapposizione, ma sono entrambi fondamentali per la crescita di un figlio.

Rispondere ai bisogni del bimbo, ad esempio al pianto del neonato - fa crescere nel bimbo la fiducia nei genitori e nel mondo che lo circonda.

I genitori ad alto contatto non solo manifestano fisicamente il loro amore attraverso baci e abbracci, ma anche nella quotidianità diventano “mamme canguro”, trasportando i bimbi in marsupi o fasce che promuovono la vicinanza tra genitore e figlio, o allattando il bimbo fino all’ anno o più, rispondendo ai suoi pianti in maniera sensibile, praticando il massaggio infantile, il co-sleeping e la disciplina positiva.

L’attachment parenting cerca di capire le esigenze biologiche e psicologiche del bambino dalla nascita, per evitare aspettative irrealistiche sul suo comportamento. Poi, con la fissazione di limiti che sono appropriati per l'età del bambino, il genitore ad alto contatto tiene conto di tutte le fasi di sviluppo fisico e psicologico che il bambino sta vivendo. In questo modo, il genitore può cercare di evitare la frustrazione che si verifica quando si aspetta ciò che un bimbo non è ancora realisticamente in grado di fare.

 Bibliografia

 Dewar G. (2014) The science of attachment parenting

 

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo 

cliccando qui