Il cervello destro e sinistro nei bambini


Il cervello è diviso in due emisferi, il destro ed il sinistro, ognuno con delle funzioni specializzate. Nonostante il loro apparente aspetto simmetrico, gli emisferi cerebrali sono di fatto asimmetrici. Questa asimmetria ha una sua funzione, dal momento che diverse regioni del cervello si sono specializzate in diversi processi cognitivi.

Entrambi gli emisferi ricevono le stesse informazioni sensoriali, tuttavia ognuno le gestisce in modo diverso. Ciascun emisfero governa il lato opposto del corpo, l’emisfero destro governa il lato sinistro del corpo e l'emisfero sinistro il lato destro.

banner stimolazionenew .fw


Nei primi due anni di vita, l’emisfero destro cresce in contemporanea con l’aumento delle competenze motorie e sensoriali. Le connessioni al suo interno costruiscono le strutture di base dell’attaccamento e della regolazione emozionale.

Man mano che il bimbo cresce, affina il suo linguaggio. Tuttavia questo è un processo un po’ più complesso, che determina un sviluppo più lento dell’ emisferio sinistro.

Verso la fine del primo anno di vita, il corpo calloso, ossia la struttura che collega i due emisferi, inizia a svilupparsi permettendo che le capacità semantiche dell’emisfero sinistro si integrino con le reti emozionali dell’emisfero destro.

L’ emisfero sinistro è sede dei processi linguistici, sia scritti che orali. È più analitico e logico, attento alle sequenze e ai dettagli. Elabora le informazioni passo dopo passo, in modo logico e lineare. Parla, pensa in parole e numeri, ed è sede del pensiero logico-matematico.

Questo emisfero impiega uno stile di pensiero convergente, ottenendo nuove informazioni, utilizzando i dati già disponibili, formulando idee o dati convenzionalmente accettabili. Procede dalla parte al tutto e si concentra molto su dettagli, fatti e regole.

L’emisfero destro invece ha dei compiti di elaborazione non verbali, come la maggior parte dei compiti visuo-spaziali e musicali e anche la percezione delle emozioni altrui (Weiten,2006) 

E’ specializzato nella percezione globale. Grazie l'emisfero destro comprendiamo le metafore, sogniamo, creiamo nuove combinazioni di idee. Questo emisfero impiega uno stile di pensiero divergente, cioè crea una varietà e quantità di idee che vanno oltre gli standard convenzionali. Si dice che sia la sede dell'intuizione. 

Caratteristiche principali di entrambi gli emisferi

Emisfero sinistro

Logico,  attento al dettaglio, analitico ed esplicativo

Astratto, teorico

Sequenziale

Lineare, razionale

Realista, formale

Verbale

Temporaneo, differenziale

Letterale

Quantitativo

Logico

Obbiettivo

Intellettuale

Deduce

Esplicito

Convergente, continuo

Successivo

Intelletto

Sequenziale

 Emisfero destro

Olistico, intuitivo, descrittivo, globale

Concreto, operativo

Globale, creativo

Aleatorio

Fantastico, ludico

Non verbale

Senza tempo, esistenziale

Simbolico

Qualitativo

Analogico, metaforico

Soggettivo

Sentimentale

Immaginativo

Implicito, tacito

Divergente, discontinuo

Simultaneo

Intuitivo

Multiplo


I due emisferi, sebbene diversi l’uno dall’altro, sono complementari al momento di elaborare le informazioni. Nessuno dei due è superiore all’altro, visto che per pensare in maniera efficace ci servono entrambi. Tutti e due grazie al loro collegamento rappresentato dal corpo calloso possono lavorare in maniera coordinata. 

 

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo 

cliccando qui