Il clampaggio tardivo del cordone ombelicale
aumenta i livelli di ferro nei neonati

 

Il clampaggio del cordone ombelicale consiste nel taglio e legatura del cordone ombelicale dopo la nascita. Si tratta di una procedura che è cambiata nel corso del tempo.

Si va dal clampaggio immediato, eseguito non appena il neonato termina l'espulsione dal canale del parto e il cordone ancora pulsa, a quello cosiddetto tardivo, in cui si attende che il cordone cessi di pulsare prima di procedere alla legatura e al taglio.

banner stimolazionenew .fw

In molti paesi ad alto reddito è pratica standard tagliare il cordone ombelicale in meno di un minuto dopo la nascita. Tuttavia, il bloccaggio prematuro del cavo può ridurre la quantità di sangue che passa dalla madre al bambino attraverso la placenta, colpendo le riserve di ferro del bambino. L'Organizzazione Mondiale della Sanità quindi raccomanda il clampaggio del cordone tra uno e tre minuti dopo la nascita.

Ritardare il taglio e la legatura del cordone ombelicale dopo la nascita ha molti benefici per i neonati, secondo una revisione sistematica della letteratura scientifica pubblicata dalla Cochrane Library. Gli autori hanno infatti scoperto che i livelli di ferro nel sangue dei neonati erano piu alti quando il cordone ombelicale era stato tagliato più tardi, riducendo così il rischio di anemia.

Inoltre il clampaggio tardivo permette un maggior adattamento fisiologico, visto che il neonato continua a ricevere sangue placentare ricco di ossigeno nei momenti immediatamente successivi alla nascita, mentre inizia a sperimentare la respirazione polmonare .

 Liliana jaramillo, psicologa autrice di stimolazione infantile Edizioni San Paolo  (per bimbi 0-3 anni)  e "Come stimolare il cervello del tuo bambino. Esercizi, giochi, e consigli alla luce delle nuove scoperte scientifiche" Edizioni Franco Angeli

Bibliografia

 Susan J McDonald, Philippa Middleton, Therese Dowswell, Peter S Morris. Effect of timing of umbilical cord clamping of term infants on maternal and neonatal outcomes. Cochrane Review, 2013

divulgazione scientifica