Neonato che mangia poco: che fare?

I neonati hanno bisogno di tempo per abituarsi alla vita al di fuori del corpo della madre. I loro tempi sono determinati da sensazioni che non possono essere controllate: la fame, la necessità di coccole, la noia, i pannolini sporchi.

All’ inizio, queste sensazioni sembrano irregolari. Dopo tre o quattro mesi, la maggior parte dei neonati regola i propri orari. Tuttavia, fino a quando non raggiungono sei settimane, la maggior parte dei neonati ha costantemente bisogno di energia. Bisogna alimentarli a richiesta, cioè ogni volta che hanno fame e quanto vogliono. All’inizio, questo può accadere in qualsiasi momento del giorno e della notte. Lo stesso accade se prendono il biberon: bisogna darlo a richiesta.

banner stimolazionenew .fw

Ma cosa succede quando il neonato non vuole mangiare o mangia poco?

Come ho spiegato prima, i neonati possono avere bisogno di alcuni giorni per iniziare a mangiare correttamente. Qualsiasi farmaco che la madre abbia assunto durante il travaglio influenzerà il bambino, perché il suo fegato è molto immaturo e non può eliminare facilmente alcune sostanze contenute nei farmaci. Inoltre alcuni di questi farmaci possono causare sonnolenza temporanea in un neonato.

Anche il solo atto di nascere può causare nel neonato sonnolenza e disinteresse al cibo per alcuni giorni. Questo è normale e non farà male al bambino in alcun modo. Altre cause possono essere:

- Infezioni: se il vostro neonato ha un'infezione, può diventare molto letargico e rifiutare di mangiare.

- Itterizia: alti livelli di bilirubina, come succede spesso nei neonati possono causare molto sonno e scarso tono muscolare e questo influenza negativamente l’appetito del neonato.

- L'ipoglicemia: 1 neonato su 3 sperimenta ipo-glicemia dopo la nascita.

Un bambino con bassi livelli di zucchero nel sangue non riuscirà a mangiare o può diventare letargico, ma potrebbe anche diventare molto irritabile.

Se osservi che il tuo bimbo mangia poco e dorme molto, non aspettare altro e rivolgiti al tuo pediatra.