L’inquinamento ambientale può causare basso peso alla nascita nei neonati


Secondo uno studio pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine (2013), l'inquinamento atmosferico durante la gravidanza può aumentare il rischio di basso peso alla nascita nei neonati, anche a livelli di inquinamento inferiori a quelli ritenuti accettabili dalle attuali direttive sulla qualità dell'aria dell'Unione europea.

banner stimolazionenew .fw


Oltre ad accrescere il rischio di basso peso alla nascita, la contaminazione atmosferica renderebbe i neonati più vulnerabili a livello respiratorio e neurologico.

I risultati di un secondo studio del Centro per la Ricerca in Epidemiologia Ambientale (CREAL) di Barcellona suggeriscono che una parte considerevole dei bambini nati a termine con basso peso alla nascita potrebbe essere evitato in Europa se l'inquinamento atmosferico urbano, in particolare le particelle fini, fosse ridotto.

Questi studi costituiscono anche un potenziale strumento di prevenzione, laddove però fosse recepito il segnale inequivocabile che se ne può trarre.

Si consiglia alle donne incinte di ridurre l'esposizione di se stesse e dei nascituri alla contaminazione atmosferica. Alcuni suggerimenti utili sono:

* Evitare di frequentare luoghi e aree inquinate. Evitare di fare attività fisica nelle ore in cui il traffico è pesante.

* Ventilare la casa bene e ridurre al minimo le fonti interne di inquinamento atmosferico (gas e riscaldamento a legna in cucina, fumo passivo).

* Pulire frequentemente in casa con aspirapolvere, ventilare internamente ed evitare di tenere la camera di letto con la finestra aperta quando ci sono zone trafficate vicino.

 

Scopri come stimolare l'intelligenza del tuo bimbo 

cliccando qui