Settimo mese di gravidanza

Settimo mese di gravidanza

Il terzo trimestre di gravidanza è iniziato e il tuo pancione continua a crescere. Ecco alcuni consigli per affrontare al meglio questa fase finale della gestazione.

I cambiamenti del corpo materno

Durante il terzo trimestre di gravidanza, il corpo della madre subisce cambiamenti significativi. A causa dell’aumento di peso del bambino e dell’utero in crescita, la madre potrebbe avvertire un maggiore affaticamento e dolore nella zona lombare e pelvica.

Inoltre, l’aumento dell’ormone relaxina può causare una maggiore flessibilità delle articolazioni, il che può mettere la madre a rischio di lesioni accidentali. Nel frattempo, il seno potrebbe continuare a crescere, causando l’ingrossamento delle vene e dei capezzoli.

La madre potrebbe anche avvertire un aumento della pressione sanguigna, noto come ipertensione gestazionale, che richiede una supervisione medica regolare. In alcuni casi, la madre potrebbe sviluppare un diabete gestazionale, che richiederà la gestione della dieta e delle attività fisiche.

Infine, la madre potrebbe sperimentare un aumento della produzione di muco cervicale e di secrezioni vaginali. Questo è normale durante la gravidanza, ma deve essere monitorato attentamente per prevenire infezioni.

In generale, il terzo trimestre di gravidanza richiede una maggiore attenzione alla salute e al benessere della madre, e una supervisione medica regolare è fondamentale per assicurare una gravidanza sicura e un parto sano.

Settimo mese di gravidanza: come si sviluppa il bambino

Il periodo finale della gravidanza è un momento molto importante per lo sviluppo del bambino in utero. Nel settimo mese, il feto ha raggiunto un peso di circa 1,5 kg e una lunghezza di circa 40 cm.

Durante questa fase, il bambino continua a sviluppare i suoi organi vitali, e il sistema nervoso centrale inizia a maturare. Le sue ossa diventano sempre più solide e il cervello continua a crescere e svilupparsi.

Il bambino può anche aprire e chiudere gli occhi e rispondere ai suoni esterni. Inoltre, inizia a svilupparsi il sistema respiratorio, con la produzione di surfactante, una sostanza che aiuta i polmoni a rimanere aperti.

Il settimo mese è anche un momento in cui la madre può iniziare a sperimentare contrazioni Braxton Hicks, che sono contrazioni del muscolo uterino che aiutano a preparare il corpo per il lavoro del parto. Queste contrazioni sono normali e non dovrebbero causare preoccupazione, a meno che non siano dolorose o continue.

In sintesi, durante il settimo mese di gravidanza, il bambino continua a crescere e svilupparsi in modo significativo, e la madre deve prestare particolare attenzione alla propria salute e al monitoraggio regolare della gravidanza per un parto sicuro e sano.

Settimo mese di gravidanza: l’alimentazione ideale

Durante la gestazione, l’alimentazione della madre gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del feto. Nel periodo finale della gravidanza, è importante prestare particolare attenzione all’alimentazione per garantire una crescita sana del bambino e il benessere della madre.

Una dieta sana ed equilibrata dovrebbe comprendere una varietà di alimenti nutrienti, tra cui frutta, verdura, cereali integrali, proteine magre e grassi sani. E’ importante evitare cibi processati, zuccheri raffinati e grassi saturi.

In questo periodo, l’apporto calorico giornaliero dovrebbe aumentare di circa 300 calorie rispetto al normale. Inoltre, è importante mantenere una buona idratazione bevendo almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno.

È anche importante prestare attenzione alle vitamine e ai minerali essenziali per la salute del bambino, tra cui acido folico, ferro, calcio e vitamina D. Questi nutrienti possono essere trovati in alimenti come spinaci, lenticchie, carne magra, latte e uova.

Infine, è importante evitare alimenti potenzialmente pericolosi come latticini non pastorizzati, pesce ad alto contenuto di mercurio e carni crude o poco cotte.

Prestare attenzione all’alimentazione nel settimo mese di gravidanza può aiutare a garantire una nascita sana per il bambino e un recupero migliore per la madre. Consultare sempre un medico o un nutrizionista per maggiori informazioni sulla dieta durante la gravidanza.

Articoli consigliati